Visitare il Padiglione del Giappone senza coda, come?

Chi frequenta i social e chi è stato almeno una volta a Expo Milano 2015 sa che il Padiglione del Giappone è sicuramente quello che accumula, nell’arco della giornata, il maggior numero di minuti d’attesa. Il record assoluto è stato raggiunto sabato scorso con 7 ore di coda, a cui si aggiungono i 50 minuti di visita obbligata all’interno.

In molti si chiedono: ma ne vale veramente la pena? Sicuramente non esiste una risposta univoca e non ce la sentiamo di giudicare chi decide di trascorrere tutto quel tempo in attesa di entrare quando potrebbe invece vedere molto altro. Quello che è sicuro, è che avere una buona strategia “d’attacco” è sicuramente fondamentale. Per questo motivo abbiamo deciso di creare questa breve guida per “conquistare” il padiglione in 5 mosse:

1 – La mattina ha l’oro in bocca

Inutile dire che arrivare presto la mattina porta parecchi benefici. Organizzatevi per essere a Milano massimo per le 8.15. Il vostro obiettivo deve essere quello di posizionarvi per primi ai tornelli dell’ingresso ROSERIO. I motivi sono due: l’ingresso apre alle 9.00 (come Merlata, ma prima di Fiorenza e Triulza), ed è molto vicino al padiglione del Giappone.

2 – Quali tornelli scegliere?

Sicuramente gli ultimi alla vostra destra, quelli più lontani dalle biglietterie e più vicine ai prefabbricati color magenta. Le prime corsie sono per i dipendenti e per chi ha il season pass o il fast truck di Alessandro Rosso (vedi yourwaytoexpo.com), le altre per i visitatori con i biglietti “normali”.

E’ importante posizionarsi proprio in queste prime file perché da lì l’accesso al padiglione è più vicino.

3 – Alle 9.00 cosa fare?

Correre! Non appena i tornelli si apriranno e passerete sotto al metal detector iniziate a correre dritto, poi leggermente a sinistra (prima via) e subito a destra e ancora dritto. Vedrete il padiglione del Giappone da dietro. Non andate davanti. La fila inizia proprio sul lato destro in fondo. Da dove siete arrivati voi è l’ideale. Sicuramente qualcuno più esperto avrà corso più veloce e quindi mettetevi lì dietro. Dopo qualche minuto arriveranno gli addetti a spostare la fila nelle corsie sulla strada principale (quella perpendicolare al Decumano costeggiando il padiglione), ma se non siete già in fila avrete perso la possibilità di entrare per primi.

4 – Relax e sangue freddo.

A questo punto non vi resta che attendere ancora per circa un’oretta l’apertura che avverrà alle 10. La gente dietro vi spingerà e si accalcherà, ma voi prendetela con filosofia. Siete davanti e vedrete finalmente il tanto agognato padiglione non appena apriranno le porte. Alcuni esperti delle code, si attrezzano con delle seggioline e si rilassano giocando a carte, chattando o parlando con i vicini. Potrebbe essere l’occasione per fare nuove amicizie.

5- Ore 10.00: alla conquista del Padiglione Giappone!

Finalmente quando giungerà l’ora prestabilita, gentilissime ragazze vi inviteranno ad entrare. I gruppi sono di circa una cinquantina di persone e le sale sono diverse. Sarete sollecitati a scaricare la app ufficiale e a fare il timbro sul vostro passaporto. Se non ce lo avete perché non avete fatto in tempo a comprarlo, timbrate la cartina o la maglietta, ma un segno del vostro passaggio al tanto desiderato padiglione dovete averlo!

Il tour dura 50 minuti. Alla fine sarete stanchi, perché comunque avrete fatto almeno due ore in piedi più la visita, ma sarete felici e potrete raccontare a tutti la vostra esperienza dicendo: io ci sono stato!

CHI HA LA PRIORITA’

Il Padiglione Giapponese è molto rigido riguardo alla fila prioritaria che si trova all’ingresso, parallela a quella standard. Vengono addirittura richiesti certificati di malattia, di gravidanza e tessere sanitarie. Di seguito la tabella:

indicazioni code prioritarie Giappone
Si segnala che anche le file prioritarie sono soggette a code.

Di Elisabetta Croce

 

Qualche foto del padiglione, ma senza svelare troppo…

Pad Giappone soffitto
blu in giappone

cibo giappone

uà in giappone

 

Visitare il Padiglione del Giappone senza coda, come? ultima modifica: 2015-09-26T15:40:38+02:00 da expo
2019 Driving Lombardia - P.Iva 06702290963 - info@drivinglombardia.com - Cookie policy & Privacy